Il cannolo siciliano tra miti e leggende

Il cannolo siciliano tra miti e leggende

Categoria : BLOG

Chi pensa solo per un istante a questa meravigliosa terra, di certo non potrà fare a meno di pensare a una delle specialità più conosciute della pasticceria siciliana: il cannolo!

Raccontarvi la sua origine non è impresa semplice, in quanto le sue fonti sono incerte e non avendo notizie confermate, la sua storia è avvolta da supposizioni e leggende.

Sembra che il primo a farne cenno fu Cicerone nel 70 a.C.,  dove durante un viaggio in Sicilia rimase colpito da un “Tubus farinarius dulcissimo edulio ex lacte fartus”, dunque da un tubo di farina ripieno di morbida crema di latte.

Si narra che il cannolo sia nato come dolce tipico di carnevale e voleva essere un dolce del tutto scherzoso, creando appunto un dolce dalla forma fallica e ripieno di crema di ricotta, con una scorzetta di arancia al suo esterno. Ma presentarlo in altre occasioni come era stato progettato non era di certo di buon gusto, così furono tagliati le estremità del “tubo”, consegnando ai giorni nostri il cannolo come lo conosciamo.

Ma dove è nato il cannolo siciliano? È nato a Caltanissetta e l’etimologia del suo nome porta con se un'ulteriore leggenda su questo dolce. Infatti la parola Caltanissetta deriva dall'arabo e significa  "castello delle donne". La leggenda narra che le donne dell'Harem del Castello inventarono la ricetta del cannolo, come omaggio vagamente fallico ai propri uomini.

Tra miti e leggende, oggi il cannolo siciliano è conosciuto in ogni dove ed è apprezzato da grandi e piccini.

Noi Taibi lo prepariamo seguendo la ricetta di famiglia tramandata da generazione a generazione, preparando ogni singolo elemento nel nostro laboratorio di pasticceria.

Pochi e semplici ingredienti per un’esperienza indimenticabile.

Scopri i nostri kit cannolo sul nostro shop online!

 

Con le mani consce

d’amorosa cura

delicatamente un cannolo pigliai

aveva la scorza bollosa

coperta d’una patina zuccherosa

che avvolgeva

un ripieno d’ovina ricotta

candida e cremosa

con gocce di cioccolata tenebrosa

Spontaneamente

quella curiosa vista

la gola conquistò

sicché la bocca

quel colpevole cannolo reclamò

liberando un avido morso

che uno  scricchiolamento generò

Il  continuo masticamento

una sensazione sublime provocò

a tal punto che un altro ne gustai.

 

Francesco Giuliano

Articolo scritto da Luisa Taibi 

Prodotti correlati

Condividi questo contenuto

Aggiungi un commento

 (con http://)